GRAMSCI

I QUADERNI DEL CARCERE ED ECHI IN GUTTUSO
Pubblicazione speciale realizzata in occasione della mostra organizzata dalla Fondazione Istituto Gramsci
dalla Associazione Enrico Berlinguer in collaborazione con la Fondazione Elio Quercioli
promossa in collaborazione con Intesa San Paolo.
Nexo, Milano 2016 | pp. 56

 

 

 

vai a  Indice | Presentazione

·····························································
Indice

Presentazione, 5
Gramsci. I Quaderni del carcere, 7
I Quaderni, 10
Guttuso. Echi gramsciani, 44
La Battaglia di Ponte dell’Ammiraglio, 47
I Funerali di Togliatti, 51


·····························································
Presentazione
Le attività di Intesa Sanpaolo pianificate in Progetto Cultura si pongono come obiettivo la valorizzazione della storia e del patrimonio culturale nazionale, anche attraverso eventi dedicati a coloro che – con la loro stessa vita, con le loro opere e idee – ne sono stati i principali protagonisti.
Si inserisce in questa logica l’ospitalità, nella sede museale della Banca a Milano, della mostra promossa dll’Associazione Enrico Berlinguer e dalla Fondazione Istituto Gramsci, che presenta i 33 manoscritti dei Quaderni del carcere di Antonio Gramsci, uno dei più importanti pensatori del XX secolo. Accanto ai Quaderni sono in mostra La Battaglia di Ponte dell’Ammiraglio e I Funerali di Togliatti, due dipinti di Renato Guttuso conservati alle gallerie d’arte moderna di Roma e di Bologna, che ne testimoniano la lezione gramsciana e la visione dell’arte come impegno civile.
Dopo essere state esposte a Torino durante il XXIX Salone Internazionale del Libro, al quale Intesa Sanpaolo ha partecipato come main partner, queste straordinarie testimonianze vengono proposte al pubblico delle Gallerie di Piazza Scala negli spazi della sede storica della Banca Commerciale Italiana.
La presenza dei Quaderni in questo luogo è tanto più significativa in quanto le loro vicende si
sono in qualche modo intrecciate con quelle della Comit, attraverso la figura del presidente Raffaele Mattioli che, come è noto, operò attivamente per sostenere e proteggere gli intellettuali antifascisti, tra cui lo stesso Gramsci, e si prodigò per il salvataggio dei Quaderni stessi.
Queste pagine manoscritte offrono l’eccezionale occasione di entrare nelle vive fasi di elaborazione del pensiero
gramsciano e dentro la quotidianità sofferta di un’esistenza spesa per gli ideali di libertà e democrazia.

Intesa Sanpaolo, Attività Culturali