EMILIO SERENI, LA GUERRA FREDDA E LA “PACE PARTIGIANA“

MOVIMENTI SOCIALI E IDEOLOGIE POLITICHE IN ITALIA (1948-1955)
Marco De Nicolò
Carocci, Roma 2019 | pp. 322, € 34,00 | 978882900003
STORIA INTERNAZIONALE DEL XX SECOLO / 18

 
La figura poliedrica di Emilio Sereni è messa a fuoco, in questo libro, come responsabile per il Partito comunista italiano dell’organizzazione dei Partigiani della pace. Il movimento internazionale, nato su impulso sovietico, ebbe una sua anticipazione nel congresso degli intellettuali per la pace svoltosi a Wrodaw, nel 1948. La fama intellettuale di Sereni, la sua caratura di dirigente e la sua impressionante duttilità linguistica lo posero al centro di una serie di relazioni con studiosi di tutto il mondo che aderirono a quel consesso. Da quel nucleo di intellettuali nacque poi un movimento di massa: i Partigiani della pace. Sereni ne fu instancabile organizzatore, aperto al dialogo con tutte le forze politiche, nonostante il suo fermo credo marxista . Il movimento seppe interpretare il timore di un conflitto ben più distruttivo di quello appena lasciato alle spalle. Le campagne per la pace, anche per questo motivo, videro una grande partecipazione, una mobilitazione di donne e di giovani e un’attenzione insolita nel nostro paese per la politica internazionale. In quella stagione, grazie anche al contributo di Sereni, si ebbe una larga “alfabetizzazione politica” degli italiani.
 

·····························································
Indice
Sigle e abbreviazioni archivistiche, 9
Emilio Sereni, il movimento per la pace e il giudizio storico: un’introduzione, 11
 
Il profilo del dirigente, la scelta, il movimento internazionale
Il dirigente ideale, 23
Fascismo e comunismo: guerra e pace, 32
Il ruolo degli intellettuali, 39
I Partigiani della pace, 54
Il declino del movimento, 76
 
Il movimento in Italia, Sereni e il PCI
La mobilitazione contro il Patto atlantico, 85
Pace, politica interna e guerra fredda, 89
Partito e movimento, 108
Quadri del partito e associazioni collaterali, 113
Lotta di classe e lotta per la pace, 119
La stampa: informazione, elaborazione teorica, propaganda, 123
 
Soggetti politici e sociali
Il coinvolgimento dei socialisti, 137
Oltre la sinistra, 148
L’attenzione verso i cattolici, 155
Donne e giovani, 175
I comitati, 193
 
Le campagne per la pace
Nelle istituzioni: dal Parlamento agli enti locali, 207
Le forme classiche della mobilitazione, 219
Le raccolte di firme, 231
Contro gli sbarchi americani, 246
Le forme nuove della politica, 253
La nuova fase internazionale e il declino del movimento italiano, 257
 
Politica internazionale, antiamericanismo, società italiana
La guerra passata, la possibile guerra futura, 293
L’antiamericanismo, 300
L’alfabetizzazione politica e il mondo in primo piano, 306
Indice dei nomi, 313
 
Il volume è stato realizzato grazie al contributo della Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali