LA MEMORIA DELLA POLITICA

ESPERIENZE E AUTORAPPRESENTAZIONE NEL RACCONTO DI UOMINI E DONNE (ESM)
a cura di Lucia Motti e Fiamma Lussana, Presentazione di Alba Orti
Roma, Ediesse 2007
pp. 344, € 18,00 | 9788823011335

 

 

 

Atti del convegno promosso dalla Fondazione Istituto Gramsci, Roma 25-26 novembre 2004

 

 

vai a  Indice | In breve | Introduzione
·····························································
Indice

Presentazione Alba Orti
Introduzione di Fiamma Lussarla e Lucia Motti
TEMI DI RIFLESSIONE
Dalle tristi alle tranquille passioni, Emma Fattorini
Pubblico e privato: una gerarchia instabile, Anna Bravo
Le memorie della seconda guerra mondiale e gli sviluppi della lotta politica in Italia, Leonardo Paggi
Corpi in guerra raccontano, Giovanni De Luna
Mediatori di memoria. Riflessioni metodologiche su fonti e archivi per la storia della politica, Linda Giuva
I SOGGETTI COLLETTIVI
Un autobus rosso: bombardamenti come metafora e memoria, Alessandro Portelli
Memorie e rimozioni delle lotte contadine: i casi di Corleone e Santa Croce sull’Arno, Giovanni Contini
Antifascisti resistenti comunisti Generazioni a confronto nell’Emilia «rossa», Antonio Canovi
La questione immorale. Favorevoli e contrari al progetto di legge Merlin, Sandro Bellassai
Donne contro la guerra. Rivolte femminili in Puglia e Basilicata (1940-1945), Vito Antonio Leuzzi
Memorie della militanza sindacale nel racconto di uomini e donne, Simona Lunadei
Presentarsi al partito: identità e soggettività nelle autobiografie delle militanti comuniste bolognesi, Paola Zappaterra
In bilico: identità e differenze nelle biografie di sindacaliste torinesi, Graziella Bonansea
I PERCORSI INDIVIDUALI
La memoria di Piero Gobetti tra modello etico e modello politico, Ersilia Alessandrone Perona
Il dominio della Storia. Intorno al romanzo di Elsa Morante, Mauro Boarelli
Lelio e Lisli Basso: la relazione privata come risorsa politica, Gabriella Bonacchi
Biografia di un antifascista. Emidio Cesari e il demolaburismo nel Piceno. La formazione politica e professionale, Costantino Di Sante
Il travaglio di un «voltagabbana». Davide Lajolo tra fascismo, guerra, dopoguerra, Dianella Gagliani
Il dramma di ricordare. Frammenti autobiografici e scritti privati delle tre sorelle Seidenfeld, Sara Galli
Lettere dalla Russia. Vivere o morire di comunismo negli anni Trenta, Fiamma Lussano
Angela Zucconi fra impegno sociale e politico 1944-1948, Vanessa Roghi
Scritture private e impegno politico. Tre casi di dirigenti comunisti: Amendola, Sereni, Alicata, Albertina Vittoria
Il «prima» e il «dopo» nella scrittura di Alba de Céspedes, Marina Zancan
Le autrici e gli autori


·····························································
In breve

Il revival delle memorie conosce oggi una straordinaria stagione editoriale. Diari, testimonianze, autobiografie degli scampati al gulag, delle vedove dei massacri nazifascisti, dei superstiti della guerra totale, sono diventati libri da leggere. E i dirigenti dei grandi partiti di massa risorti nell’immediato dopoguerra o i semplici militanti di base nel partito e nel sindacato raccontano la loro esperienza. La loro “memoria della politica”. Sono storie che ci parlano di un passato in cui la militanza politica riempiva spesso tutta la vita, sino al sacrificio di sé, o in cui la storia faceva irruzione nel quotidiano con tutta la violenza e la devastazione che la guerra porta con sé. Ma ci parlano anche di grandi ideali, del difficile intreccio fra pubblico e privato, della politica come emancipazione. Il rapporto fra queste memorie e la società di oggi è un filo molto sottile, ma straordinariamente forte. Riannoda un “passato che non passa” al mondo globale. Il bisogno di senso alla smemorata e superficiale società mediatica. Nel volume, curato e introdotto da Lucia Motti e Fiamma Lussana, i saggi (contributi di riflessione e ricerche storiche), vedono alcuni fra i maggiori studiosi italiani alternarsi a giovani ricercatori e ricercatrici impegnati sul difficile crinale del rapporto tra memoria e storia, in un poco frequentato intreccio tra fonti tradizionali e fonti soggettive: Ersilia Alessandrone, Sandro Bellassai, Mauro Boarelli, Gabriella Bonacchi, Graziella Bonansea, Anna Bravo, Antonio Canovi, Giovanni Contini, Giovanni De Luna, Costantino Di Sante, Emma Fattorini, Dianella Gagliani, Sara Galli, Linda Giuva, Vito Antonio Leuzzi, Simona Lunadei, Fiamma Lussana, Leonardo Paggi, Alessandro Portelli, Vanessa Roghi, Albertina Vittoria, Marina Zancan, Paola Zappaterra.


·····························································
Introduzione
Fiamma Lussana e Lucia Motti
La storiografia del Novecento è fittamente popolata da memorie, diari, autobiografie che si confrontano con la storia «ufficiale» e spesso alterano, scardinano, sovvertono narrazioni storiche consolidate dalla tradizione: scrivono altre storie. L’uso moderno della memoria applicato alla filosofia, alla psicoanalisi, alla letteratura si può far risalire alla fine dell’Ottocento e all’inizio del Novecento: è quella l’epoca in cui Bergson distingue fra la «memoria-abitudine», che registra i ricordi in modo meccanico e privo di coscienza, dalla «vera memoria», che attualizza il passato facendolo interagire con il presente; in cui Freud inizia la sua autoanalisi, i cui esiti confluiranno poi ne L’interpretazione dei sogni; e in cui Proust comincia a lavorare alla sua lunga indagine sul tempo e sulla memoria che si tradurrà nella monumentale Recherche.
Nella tradizione storiografica memoria e storia si fronteggiano invece in modo radicale. E, se da oltre mezzo secolo è nata in America la storia orale, la cosiddetta «nuova storia», basata sul racconto delle storie di vita e delle esperienze soggettive, e anche in Italia, nel corso degli ultimi venti anni, le «fonti di soggettività», sono entrate in maniera diffusa a far parte della «cassetta degli attrezzi» degli storici (soprattutto legate agli studi di storia sociale del movimento operaio e della deportazione e alla storia delle donne), l’uso integrato di storia e memorie applicato alla comprensione dei fatti storici è una pratica storiografica relativamente recente e che continua a suscitare non poche diffidenze
Pur avendo entrambe finalità esplicative e interpretative, storia e memoria si pongono tradizionalmente su due terreni separati. La memoria è rigorosamente selettiva: riporta alla luce solo la parte del passato che interagisce in modo significativo col presente. La storiografia invece nutre l’ambizione di registrare sistematicamente ogni traccia del passato. L’uso della memoria è in molti casi alternativo alla storia; le memorie raccontano spesso altre storie: ovvero, il ricorso alla memoria appare animato da un forte bisogno di svelare storie mai raccontate e dunque più vere. La memoria ha una funzione intenzionalmente trasgressiva: illumina le zone d’ombra che la storia non rileva, evoca eventi e fatti che la storia ha narrato in modo opaco e non problematico. Colloca i fatti storici in una cornice qualitativamente nuova, tridimensionale, straordinariamente più ricca della registrazione della serie di cause e di effetti che è la sequenza tradizionale del racconto storiografico. Riflette un passato di conquiste e di progresso, ma anche di torti, abusi e sconfitte. Registra gli elementi della civiltà e quelli della barbarie. Il ricordo umanizza la storia, le restituisce drammaticità. Una storia senza memorie rischia di essere senza passioni, senza emozioni. E i documenti d’archivio, le fonti privilegiate della storia, possono essere anche inerti, opachi, insufficienti a dar conto della complessità di un fenomeno storico. Ricostruire fatti storici usando solo fonti soggettive o di memoria è però un’operazione rischiosa e poco attendibile. Si tratta di fonti con un forte potere evocativo che trascende di gran lunga la narrazione storiografica tradizionale, ma anche di una materia molto difficile da trattare. La produzione di memorie, infatti, non varia solo da soggetto a soggetto, ma muta con il corso del tempo anche per il medesimo soggetto, conferendo al racconto autobiografico un carattere di instabilità. Gli stessi fatti possono essere narrati in modi assai diversi, anche quando il soggetto narrante non cambia. Per la sua ambivalenza e l’intrinseca ambiguità, la memoria da sola non basta.
Negli ultimi decenni la storiografia contemporaneistica ha inoltre visto accentuarsi al suo interno un intenso confronto su quello che è stato chiamato «l’uso pubblico della storia», questione che ha ben presto superato i confini di un dibattito tra studiosi per essere ripresa e amplificata, a volte in modo strumentale, in ambito politico e mediatico. In tale dibattito sono state deliberatamente messe in discussione quelle «politiche della memoria», cui hanno fatto riferimento le stesse istituzioni politiche per legittimare il proprio ruolo nell’Italia repubblicana: alla memoria sono stati attribuiti compiti che non ha; a volte è stata utilizzata per delegittimare la storia, oppure, nel senso comune, si sono considerati i due termini quasi fossero sinonimi . Se non è infrequente il caso di testimoni che «non si ritrovano» nelle ricostruzioni degli storici, studiosi come Charles S. Maier e Kerwin Lee Klein parlano rispettivamente, a proposito della nostra epoca, di un «eccesso di memoria» o di una memoria balzata alla ribalta in un’epoca di crisi storiografica proprio perché si configura come alternativa terapeutica del discorso storico . Abusi della memoria, analizzati da Todorov, che hanno portato Paul Ricoeur a parlare di «memoria ferita» e hanno rafforzato la reciproca diffidenza tra storia e memoria4.
Una difficoltà di relazione efficacemente sintetizzata da uno studioso dell’età contemporanea come Hobsbawm:
Per noi tutti esiste una ‘zona crepuscolare’ fra storia e memoria; fra il passato come archivio generale aperto a un’indagine relativamente spassionata, e il passato come parte o sfondo dei propri ricordi personali […] questa ‘terra di nessuno’ c’è sempre, ed è la parte della storia di gran lunga la più difficile da afferrare, per gli storici e per chiunque5.
In realtà alla storia dovrebbe spettare il compito di fornire una corretta ricostruzione del passato e garanzie interpretative alla narrazione soggettiva, secondo le regole del rigore metodologico e del rispetto delle fonti. Un rapporto di reciprocità in grado di accrescere la qualità della comprensione storica. Certo e possibile fare storia senza memoria, ma l’uso integrato di storia e memorie allarga l’orizzonte interpretativo del racconto storiografico, aggiungendo prole »udita e complessità al rigido susseguirsi di un prima e di un poi.
Porre in modo non antagonistico, ma in tensione reciproca, storia e memoria può allora aiutare a praticare quella «cultura della giusta memoria» di cui scrive Ricoeur6, in cui è proprio la tensione etica tra veridicità e fedeltà, che le caratterizza rispettivamente, a garantire quella «fedeltà al passato» che, come ricorda altrove lo stesso autore, «non è un dato, bensì un voto» della narrazione storica7.
Quando diventa necessaria la memoria? Perché bisogna ricordare? Quando e perché le memorie raccontano la storia e la politica?
L’uso moderno della memoria si associa generalmente a un’epoca di crisi, a fasi storiche segnate da grandi cambiamenti, guerre, dittature, svolte repentine. Le memorie insorgono sulle sfasature, sulle fratture che segnano la distanza tra la grande storia Storia e le tante storie individuali: sono risposte forti, insofferenti, ad una realtà che non rispecchia quello che siamo, alla ricerca di nuove radici o appartenenze, in grado di ricomporre un quadro di riferimento cui si leghi nuovamente la speranza di cambiare il mondo.
La crisi degli anni Venti e Trenta può essere considerata l’inizio di un’epoca nuova, in cui la memoria e i luoghi della memoria assumono un peso prima sconosciuto. E ciò almeno per due ragioni: vacilla la sicurezza individuale e collettiva di popoli e nazioni sconvolti dai disastri della guerra; il modello dello Stato-nazione è insidiato dalla società di massa e dall’uso dei nuovi mezzi di comunicazione. Negli anni fra le due guerre la lettura del passato si carica di nuovi interrogativi e l’idea del futuro diventa angosciosa. Si modifica profondamente una concezione della storia come progresso e continuità e si fa strada il sentimento fatale di un continuum della storia non più dotato di senso. La modernizzazione coincide inoltre con la diffusione dei mass media: cambia la società, ma anche la percezione della storia e dei suoi centri di produzione.
Altro snodo in cui emerge il «bisogno di memoria», almeno per un’intera generazione di militanti della sinistra, è il ’56, che si configura come una sorta di scossa elettrica dotata di una forte carica destabilizzante. Scardina e sovverte certezze sedimentate. Il bisogno di memoria diventa ora impellente. Il ricordo esce dallo stato di latenza, diventa uno strumento di conoscenza, una fonte storiografica. La rottura di un sistema di potere dinamizza l’uso delle memorie che sgorgano direttamente dall’ansia di smantellare o viceversa di ricostruire ciò che la corrente tumultuosa della crisi ha spazzato via. Nascono così memorie contro, memorie ribelli o memorie apologetiche che hanno però in comune il bisogno etico di rendere giustizia.
L’inizio degli anni Venti e la crisi del ’56 segnano l’arco cronologico all’interno del quale si muovono i saggi qui pubblicati, preceduti da una serie di riflessioni che ricostruiscono il retroterra metodologico e problematico che fa da sfondo ai diversi temi considerati. Tali scansioni tematiche sono: il rapporto pubblico/privato; l’etica della politica; la responsabilità individuale e collettiva, nel tentativo di far emergere il valore attribuito alla politica nel vissuto individuale; il rapporto, più o meno conflittuale, tra appartenenza e scelte di vita; la soggettività di quanti hanno investito nella politica ai diversi livelli di militanza e nei diversi «luoghi» dell’agire politico.
Al centro dell’indagine è stata posta quella che abbiamo chiamato la «memoria della politica» di uomini e donne che hanno vissuto il passaggio da un regime totalitario ad uno democratico. Uno snodo della storia nazionale, oggetto di un intenso dibattito storiografico, nel quale tuttavia manca ancora un adeguato rilievo ai soggetti coinvolti. Ripercorrerlo con una nuova attenzione agli individui (e alle loro speranze, aspettative, conflitti), può fornire anche un contributo per comprendere le radici e le ragioni dell’attuale «declino» della politica (fenomeno peraltro che non riguarda solamente il nostro paese), ed è significativo che ciò sia avvenuto in una fase storica nella quale i partiti tradizionali hanno vissuto un processo di sfaldamento della propria legittimità e una perdita di consenso, che ne ha incrinato la stessa identità.
Le memorie di cui trattano i saggi di questo volume sono molto diverse tra loro, come del resto è irriducibilmente unica ogni memoria nel momento in cui il soggetto ricostruisce il suo passato: sono memorie che curano, che giustificano, che rivendicano.
Sono soprattutto memorie di uomini e donne; una scelta, esplicitata sin dal titolo del volume, che segnala quanto le nuove domande poste dalla ricerca delle donne alla storia politica abbiano segnato l’impianto complessivo di questo lavoro .
E proprio l’aver posto al centro i soggetti, l’aver compiuto quell’operazione che Luisa Passerini chiama «restituire soggettività», l’elemento che in questi anni ha maggiormente caratterizzato la ricerca storica delle donne e, insieme, l’aspetto più ricco di potenzialità euristiche. Prendere in considerazione quale senso gli attori storici attribuiscono alle loro azioni, alla loro vita, ai loro pensieri, alle loro scelte politiche ha rappresentato la bussola del nostro lavoro.
Sicuramente la storia delle donne, come la storia di genere, in cui più propriamente questo volume si inscrive, ha dei debiti culturali con altre tradizioni storiografiche. Alla storia sociale e all’esperienza delle Annales deve soprattutto l’attenzione ai tempi lunghi e alle persistenze nei processi più che alle discontinuità e alle fratture; alla tradizione di storia orale del movimento operaio deve la critica ad una storia politica che privilegia la storia delle idee rispetto a quella dei soggetti, così come è anche in debito verso altre discipline: l’antropologia, la psicanalisi e la sociologia .
Ma, a partire dagli anni Settanta, almeno in Italia, la storia delle donne marca una forte discontinuità rispetto alla tradizione della storiografia politica, una discontinuità legata soprattutto all’influenza del movimento femminista su una generazione di giovani storiche, con la rilevanza politica attribuita al «personale» e con la pratica narrativa dell’autocoscienza. Come scrive Anna Bravo:
È uno slittamento che investe la storia politica, riflettendone e accelerandone la crisi degli ultimi anni Settanta e del decennio Ottanta. Ne esce vivificato il suo campo diricerca: non solo idee, ideologie e soggetti collettivi, ma corpi e cuori – le passioni, i sentimenti, la sessualità, l’etica .
Un riconoscimento non scontato: se è ancora grande la diffidenza nei confronti delle fonti di memoria, non è per nulla generalmente acquisita la consapevolezza che, quando si parla di storia, i soggetti che la agiscono sono uomini e donne, e che questo dato non è «irrilevante» ai fini della comprensione dei processi studiati, ché, anzi, può risultare vivificata se, tra i presupposti del lavoro storico, prevediamo la categoria di «identità di genere».
La ridefinizione delle categorie di sfera pubblica e di cittadinanza, mutuata dalla ricerca sociologica e introdotta nella riflessione storiografica da Mariuccia Salvati , con i suoi dinamismi nuovi, ha, per esempio, portato ad ampliare il concetto di politica, consentendo di vedere una ricchezza di presenze femminili là dove prima la politica appariva per le donne una terra straniera, popolata di poche, «eccentriche» figure.
La ricchezza delle diverse forme che può assumere l’agire politico delle donne, che molti dei saggi qui proposti documentano, rafforza il rifiuto della consolidata identificazione tra storia delle donne e storia del quotidiano e della cultura materiale, per cui, al massimo, la storia delle donne può rientrare nella sfera della storia sociale. Atteggiamento che, nel perpetuare lo stereotipo di un mondo delle donne legato alla sfera biologica, alla sfera domestica e familiare, finisce con il negare la «politicità» dell’agire femminile, riproponendo quella separatezza tra sfera pubblica, come luogo privilegiato dell’agire maschile, e sfera privata, di esclusiva pertinenza femminile, che per lungo tempo ha costituito l’alibi per legittimare l’esclusione delle donne dalla storia e dalla politica e di cui ancora oggi si vedono gli effetti in Italia.

Una conclusione «politica»?
I saggi che seguono traggono origine dai contributi originali presentati tre anni fa al convegno romano La memoria della politica. È legittimo interrogarsi oggi sulla sensatezza di riproporre quegli interventi: ne rimane ovviamente inalterata la validità scientifica, come pure la struttura narrativa del volume, che vede alternarsi ricerche di studiose e studiosi da tempo affermati e lavori di giovani. Ancora valida appare pure l’ambizione di spostare l’attenzione, attraverso l’uso di fonti poco «frequentate» nella tradizione della storia politica in Italia, dallo studio dei fenomeni e delle ideologie a quello dei «soggetti» individuali e collettivi, che costituisce l’asse portante del volume. L’interrogativo più pertinente è probabilmente quello relativo alla «attualità» dei temi affrontati, ovvero alla loro capacità di suscitare ancora riflessioni stimolanti anche al di là di una ristretta cerchia di addetti ai lavori.
Le storie che le ricerche raccontano rimandano infatti a modelli di militanza e a forme dell’appartenenza politica che ci appaiono distanti anni luce dall’esperienza che della politica hanno oggi le nuove generazioni (e non solo loro), spesso segnata dal più totale disinteresse, se non da una vera e propria ripulsa. Viene così a riproporsi il nodo, centrale in una fase storica che sembra dominata dall’antipolitica, delle forme che può assumere la trasmissione della memoria. Ci si chiede, e l’interrogativo percorre sotterraneo l’intero volume, se sia possibile e come, «rimotivare alla politica», rifondare un’idea di politica che, senza rimpianti o nostalgie per un passato – forse per fortuna – irrimediabilmente alle nostre spalle, sappia trovare ragioni forti, senza dover ricorrere all’ausilio dell’ideologia e respingendo un’idea di militanza totalizzante che di quelle esperienze costituiva il nerbo. Seguire le tracce degli uomini e delle donne che hanno segnato con il loro impegno la nascita dell’Italia repubblicana, indagarne le speranze, i conflitti, i motivi di una scelta, spesso etica, prima ancora che politica, vuol dire allora interrogarsi anche sul perché la crisi di quella cultura politica sembra aver trascinato con sé anche le motivazioni etiche che ne erano alla base.
A che serve dunque la «memoria della politica»?
Carattere distintivo della memoria è la sua interazione con il presente. La memoria riveste di una luce abbagliante (l’aura proustiana) i fatti del passato e crea quel legame forte e imprevisto con la nostra vita presente. E un corto circuito folgorante che abbatte la distanza di anni luce in poche frazioni di secondo creando una relazione immediata fra motivazioni del passato e scelte del presente.
Oltre i muri ideologici, oltre i revisionismi storiografici, oltre la smemorata comunicazione elettronica, le «memorie della politica» riportano senso nel nostro presente: in quel «cimitero delle promesse non mantenute» che per Ricoeur è lo spazio che separa lo storico dagli uomini del passato. Compito della politica, anzi di quanti hanno a cuore la cosa pubblica, è risvegliare quelle promesse e, se possibile, mantenerle . È questa l’etica del ricordo.
Ringraziamenti
Questo volume è il risultato di un lungo lavoro di ricerca e di un grande sforzo organizzativo, resi possibili grazie al contributo di molte persone. Siamo grate in particolare al presidente della Fondazione Istituto Gramsci di Roma Giuseppe Vacca e al direttore Silvio Pons, per aver creduto nelle ipotesi di ricerca che hanno ispirato sia il convegno La memoria della politica. Alle origini della repubblica: donne e uomini tra esperienza e autorappresentazione, sia questo volume che ne rappresenta l’esito finale. Le amiche Betty Leone e Alba Orti dello Spi-Cgil hanno generosamente contribuito alla realizzazione dell’intero progètto. Abbiamo discusso l’impianto del convegno, oltre che con gli autori dei saggi qui proposti, con le amiche Patrizia Gabrielli, Paola Gaiotti De Biase, Francesca Koch, Luisa Mangoni, Luisa Righi, Anna Rossi-Doria, raccogliendo da tutte idee e spunti di ricerca, importanti anche per definire l’assetto del volume. Gianni Borgna, assessore alle Politiche culturali del Comune di Roma quando è stato organizzato il convegno, ci ha offerto ospitalità nelle sale del Museo di Roma in Trastevere, introducendo i lavori con un partecipato saluto. Tutte le amiche e gli amici della Fondazione Istituto Gramsci hanno ascoltato ed esaudito le nostre numerose richieste, offrendoci sempre la loro competenza e un caloroso sostegno. Fra questi: Giovanna Bosman, responsabile dell’archivio, Dario Massimi, responsabile della biblioteca, Anna Bodini, Arianna Pizzi, Paola Rodinò. Un ringraziamento davvero speciale va a Franca Franchi, della segreteria della Fondazione, amica generosa e cuore pulsante della macchina organizzativa del convegno e del volume.