Le molte lingue di una comunità immaginata. A proposito del multilinguismo italiano della prima età moderna

ANNO 59 2018
N. 1, GENNAIO-MARZO
Ottavia Niccoli, pp. 5-22


Secondo un modello di lunghissima durata, l’identità italiana è apparsa il frutto di una tradizione letteraria. Accanto a essa tuttavia dovremmo tener presenti altri due fattori, radicati agli inizi dell’età moderna: la formazione di una lingua volgare «comune», avente finalità non letterarie ma comunicative, e la compresente permanenza dell’uso della lingua latina. Nei primi decenni del Cinquecento è possibile verificare come una sigla identitaria dell’Italia sia rappresentata dalla cultura umanistica, e quindi dalla conoscenza e da un uso competente della lingua latina, mentre nel periodo della Controriforma la lingua latina si identifica con la Chiesa cattolica, e quindi con la pratica quotidiana del mondo dei fedeli italiani. L’unità culturale italiana è giocata su piani diversi e contradditori.

Parole chiave: identità italiana, tradizione letteraria, lingua volgare comune, cultura umanistica, Chiesa cattolica.

 

The many languages of an imagined community. On the Italian multilingualism of the early modern age

According to a very long-lasting model, Italian identity has appeared to be the result of a literary tradition. However, we should bear in mind two other factors, rooted in the early modern age: the making of a «common» vernacular language, having not literary but communicative aims, and the simultaneous key role of the Latin language. During the first decades of the sixteenth century, it may be seen how Italian identity was shaped by the knowledge and a competent use of the Latin language, while during the Counter-Reformation the use of the Latin language was identified with the Catholic Church, and thus with daily religious practice. Therefore, Italian cultural unity played out on different and contradictory levels.

Keywords:  Italian identity, literary tradition, «common» vernacular language, humanistic culture, Catholic Church.


Vai alla scheda